Riccio africano, allevamento e prezzo

di Redazione 2

Riccio africano prezzo allevamento

Il riccio africano è un animale esotico domestico. Come suggerisce il nome è originario dell’Africa, ma il suo allevamento si sta estendendo anche in America, in Inghilterra e in Europa, Italia compresa. Da non confondere con il riccio europeo, la cui detenzione è vietata, il riccio africano è a tutti gli effetti un animale da compagnia.

Caratteristiche del riccio africano

Il riccio africano ha il corpo superiore ricoperto di aculei, mentre la pancia è coperta da una morbida pelliccia. Il peso di un esemplare adulto oscilla tra i 300 grammi e i 650. Quando il riccio è rilassato gli aculei sono bassi, e può essere accarezzato senza alcun timore di pungersi, se l’animale si spaventa, invece, tende a richiudersi su se stesso formando una palla di aculei.

Allevamento del riccio africano

Il riccio africano mal sopporta il freddo. Se la temperatura scende al di sotto dei 20 gradi, infatti, rischia l’ipotermia. Per ovviare a questo problema, è sufficiente sistemare nel suo ricovero una lampada rossa. Essendo animali notturni, la loro maggiore attività è di sera, ed è preferibile lasciarli liberi di girare per un po’ in una stanza. I ricci africani sono insettivori, vanno quindi alimentati con tarme, caimani, grilli, ecc, che si trovano facilmente nei negozi per animali o anche online, ma anche con croccantini per gatti o cani di piccola taglia di tipo umido. Naturalmente, l’acqua deve essere sempre disponibile.

I ricci africani vivono in media 8 anni, ma sono animali molto delicati, che possono avere problemi dentali e soffrire di svariate malattie quali dermatiti, tumori, polmoniti, problemi al fegato, parassitosi e coccidiosi, ma anche micosi.

Costo del riccio africano

Il costo del riccio africano può oscillare tra 80 euro e 150 euro, dipende anche dalla colorazione. Non è necessario comprare la coppia, anche perché il riccio, essendo un animale solitario, non ama vivere con gli altri esemplari.

 

Photo Credits|ThinkStock

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>