Giornata Mondiale della giraffa, la specie Masai a rischio

di Emma Commenta

Si festeggia il 21 giugno la quarta Giornata Mondiale della giraffa, ma l’anniversario coincide con dati purtroppo non rassicuranti. A lanciare l’allarme è la Giraffe Conservation Fund che ricorda come le giraffe siano a rischio in Africa.

giraffa uccidere zoo

Solo nel corso degli ultimi 30 anni la presenza di questi animali è diminuita addirittura di quasi il 40% portando la popolazione a soli 100 mila esemplari in tutto il continente. 

Sebbene la specie della giraffa in Africa sia storicamente la più popolosa, da qualche tempo a questa parte sembra essere quella messa maggiormente a rischio dalle attività umane: lo ricorda anche Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva di Bussolengo che sostiene attivamente la campagna del Giraffe Conservation Fund.

Quest’anno la giornata è dedicata in particolare alle problematiche legate a una delle quattro specie di giraffe che sono state distinte solo di recente in seguito a uno studio genetico: si tratta della giraffa Masai, nota anche come giraffa del Kilimangiaro, di cui non restano che 32 mila esemplari in Kenya e Tanzania. 

La sopravvivenza della giraffa che dovrebbe essere della spacie più popolosa, viene messa a dura prova proprio nella zona compresa fra il sud del Kenia e la Tanzania dove continua l’espansione delle infrastrutture viarie e dove le attività agricole stanno frammentando sempre di più le savane e le foreste, riducendo ulteriormente territorio che apparterrebbe alle giraffe.

PARTO DELLA GIRAFFA APRIL SU YOUTUBE, BOOM DI VISUALIZZAZIONI

Sarebbero questo le cause primarie del declino del Kilimangiaro, che rispetto alle altre è caratterizzata da macchie più scure: proprio per questo motivo sembra particolarmente importante la riserva genetica delle giraffe all’interno dei parchi per poter custodire un patrimonio genetico che sta scomparendo.

 

photo credits | thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>