Adozioni in pandemia, boom di rinunce di proprietà

di Valentina Commenta

Le adozioni in pandemia, sia per cani che per gatti, hanno fatto registrare numeri da capogiro. Il problema è che ora che si sono allentate le restrizioni è in corso una tendenza ignobile di rinunce di proprietà da fare accapponare la pelle.

Comportamenti inaccettabili più diffusi di quel che si pensa

E diventa difficile anche parlare dei dati provenienti dall’indagine richiesta da Facile.it a EMG Different sul tema. Questo perché quel che emerge è che questi poveri animali siano stati e continuino a essere trattati come oggetti piuttosto che come esseri viventi dotati di sentimenti.  La ricerca sopra citata ha cercato d’indagare sulle motivazioni che stanno portando molte famiglie a rinunciare alla proprietà, in particolare di cani, a favore di un canile o altre adozioni.

E ci si è resi conto che le adozioni in pandemia, per molti italiani sono stati un semplice mezzo per non essere chiuso in casa durante il lockdown. Fu proprio questa limitazione a spingere le persone ad adottare. E faceva bene chi pensava che dietro molti di questi gesti non ci fossero buone intenzioni visto che con l’allentarsi delle restrizioni sono state ritrattate anche le adozioni.  Ed è atroce pensare che tanti di questi animali dopo quasi due anni di permanenza in casa e l’essersi affezionati a degli umani che evidentemente non lo meritano, debbano essere strappati dal loro ambiente.

Adozioni in pandemia di convenienza

 

È palese che per molti le adozioni in pandemia sono stati gesti di convenienza. E non ce la prendiamo con chi magari ha deciso di adottare con leggerezza inizialmente e poi ha imparato a gestire e amare adeguatamente i propri cani e i propri gatti. Ce la prendiamo con chi ha usato questi animali sono come scusa per poter uscire di casa.

È questo quello che raccontano i dati dell’indagine di Facile.it. Ovvero che i cani restituiti ai canili dopo le adozioni sono vittime dell’egoismo di umani indefinibili.  Come ha riportato anche l’Ansa in merito all’indagine:

Sono circa 3,4 milioni le persone che fra il 2020 ed il 2021, hanno fatto questa scelta, il 21,6% dei proprietari. Ma finito il lockdown, oltre 117 mila proprietari avrebbero cambiato idea restituendo l’animale al canile o affidandolo ad un’altra famiglia.

Ben il 28,3% ha ammesso di aver adottato un cane per alleggerire il lockdown e circa 196 mila intervistati non si sono fatti problema di raccontare di aver adottato solo per aggirare le restrizioni alla mobilità. La motivazione principale alla base della rinuncia di proprietà: la “difficoltà” di gestire un animale domestico fuori dal lockdown. Cure e attenzioni sarebbero apparse come non fattibili.

Inutile dire che ci sarebbero parole specifiche da utilizzare con questa gente senza scrupoli.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>