225 mila cani mangiati in un anno, orrore Indonesia

di Redazione Commenta

In un anno in Indonesia sono stati uccisi 225 mila cani per diventare pietanze da portare in tavola. A denunciare questo orrore è stata DogsterIndo, organizzazione locale di attivisti animalisti che si batte per interrompere questo scempio. Mentre in Cina e in altri paesi asiatici grazie alle organizzazioni internazionali e alla crescente consapevolezza delle nuove generazioni, anche se molto lentamente si sta invertendo la tendenza, in questo paese purtroppo è in aumento il consumo di carne di cane. Per questo gli attivisti animalisti locali hanno avviato una campagna di sensibilizzazione e manifestato nelle strade di Jakarta.

 

Stop dog meat Indonesia

Fermate questo scempio: gli attivisti animalisti scesi in piazza a Jakarta hanno manifestato contro ogni abuso sugli animnali e per il riconoscimento dei loro diritti. Con gli amici a quattro zampe, a sfilare con loro seduti sui passeggini piuttosto che tenuti in braccio, le nuove generazioni hanno gridato la loro ribellione a tradizioni arcaiche e abominevoli, ancora radicate nel paese.

Purtroppo in Indonesia cani ma anche gatti sono allevati appositamente per il consumo alimentare. Ogni anno centinaia di migliaia di cani vengono uccisi, sacrificati per diventare pietanza da portare in tavola, in nome di pratiche barbariche e di una mentalità diffusa, arretrata e ignorante, che considera il nutrirsi di carne di cane  il modo per ringiovanire il fisico e aumentare la potenza sessuale. Credenze diffuse nei paesi dell’Asia, avallate spesso purtroppo da precetti della medicina tradizionale. In Cina c’è il macabro festival di Yulin, dove i cani sono torturati e mangiati, ma molto sta  facendo l’organizzazione non governativa Animal Asia per boicottarlo e bloccare quest’evento.

Allo stesso modo, grazie alla mobilitazione di organizzazioni giovani e agguerrite di nativi, quali DogesterIndo, può essere portato all’attenzione della comunità internazionale ciò che di tremendo avviene in Indonesia al fine di riuscire a boicottare quanto accade, anche con dati scientifici sui rischi che si corrono per la salute mangiando carne di cani e di gatti.

 

Fonte e foto facebook.com

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>