Vacanze con gli animali, il decalogo del Ministero della Salute

di Redazione Commenta

Basset hound con la valigia

Per andare in vacanza con il proprio amico a 4 zampe, cane o gatto che sia, è importante organizzarsi per tempo. È necessario, infatti, avere i documenti in regola, conoscere gli obblighi sanitari del luogo in cui andrete in vacanza e i regolamenti delle compagnie aeree, marittime o ferroviarie che utilizzerete e sapere quali sono le strutture recettive pet friendly. Ecco, allora il decalogo per viaggiare con fido o micio stilato dal Ministero della Salute.

Viaggiare in Italia

Se restate nel Belpaese, sappiate che sono obbligatorie l’identificazione e l’iscrizione dei cani nell’Anagrafe degli animali d’affezione. Per i gatti di proprietà l’identificazione è su base volontaria, anche se consigliabile. Al momento dell’iscrizione nell’Anagrafe, al proprietario è rilasciato dal veterinario un certificato, che costituisce il documento d’identità dell’animale che lo deve accompagnare in tutti i suoi spostamenti. In alcune regioni è obbligatoria la profilassi antirabbica, richiesta anche da alcune compagnie aeree e marittime. Inoltre, i cani e i gatti introdotti in Italia, sia da paesi UE che extra UE, devono essere sempre sottoposti a vaccinazione antirabbica.

Viaggiare nell’Unione Europea

Per viaggiare all’interno dell’UE gli animali domestici devono essere identificati con microchip (o con un tatuaggio chiaramente leggibile se apposto prima del 03 luglio 2011) e muniti del passaporto comunitario.

Viaggiare nei Paesi fuori dall’Unione Europea

È necessario contattare l’ambasciate del Paese di destinazione poiché possono essere richieste particolari condizioni sanitarie e ulteriori documenti.

Viaggiare in aereo

Quasi tutte le compagnie aeree consentono il trasporto di animali anche se non esiste una regolamentazione unica. I cani di media o grande taglia, solitamente, viaggiano nella stiva pressurizzata in apposite gabbie rinforzate. In questo caso, è bene far abituare l’animale al trasportino o alla gabbia. L’animale non deve avere né guinzaglio né museruola. Questi accessori non devono inoltre essere lasciati all’interno del trasportino. Prima della partenza ridurre la quantità di cibo giornaliera e somministrare acqua a sufficienza. È consigliabile verificare se il volo prevede scali in Paesi di transito con cambi di compagnia aerea o di velivolo, sia perché i trasferimenti da un aeromobile ad un altro possono comportare stress e rischi per l’ animale, sia perché soprattutto può essere bloccato nel Paese di transito per eventuali controlli sanitari. I cani guida per non vedenti viaggiano con il proprietario purché muniti di museruola e guinzaglio.

Viaggiare in treno

Sia con Trenitalia che con Italo è possibile viaggiare con il proprio cane, sia di taglia piccola che grande, in prima e seconda classe. Nelle carrozze ristorante/bar non è consentito l’accesso agli animali. I cani guida viaggiano gratuitamente su tutte le categorie di treni.

Viaggiare in nave

Numerose compagnie di navigazione consentono l’accesso di animali a bordo, ma è opportuno informarsi per tempo sul regolamento della compagnia scelta per il viaggio. Attenzione anche al ma di mare… chiedete consiglio al veterinario.

Viaggiare in auto

Se si viaggia in auto è preferibile evitare le ore più calde della giornata e bisogna fare attenzione all’aria condizionata. Gli sbalzi di temperatura sono pericolosi anche per gli amici a 4 zampe. Ricordatevi di portare la ciotola per l’acqua e un piccolo asciugamano per rinfrescare il vostro animale in caso di necessità e di guidare dolcemente per evitare il mal d’auto. Durante i viaggi lunghi fate soste regolari per fare scendere il cane dalla macchina per sgranchirsi i muscoli e per fare i suoi bisognini (Attenzione! Non dimenticate di raccoglierli con gli appositi strumenti).

Strutture di accoglienza e spiagge

Negli ultimi anni sono aumentante le strutture che accolgono gli animali. Diverse regioni hanno emanato leggi che mirano a implementare la recettività turistica, prevedendo anche di destinare alcuni tratti di spiaggia ai nostri amici. Per avere informazioni ci si può rivolgere agli enti turistici regionali e pro loco. Inoltre, alcune associazioni di protezione animale hanno censito le strutture turistiche a 4 zampe.

Check up sanitario

Prima di andare in vacanza con un animale è sempre opportuno effettuare un check-up dal medico veterinario per assicurarsi del suo stato di salute e verificare la regolarità dei richiami vaccinali e dei trattamenti antiparassitari.

Cosa mettere nella valigia

  • Certificato d’iscrizione in anagrafe, libretto sanitario e, se richiesti dalle autorità della località che si intende raggiungere, certificato di buona salute, certificato della vaccinazione antirabbica, passaporto europeo
  • Strumenti per la raccolta delle deiezioni
  • Ciotole per acqua e cibo
  • Una piccola scorta di mangime
  • La lettiera
  • Eventuali farmaci che l’animale assume d’abitudine, prodotti antiparassitari e un mini-kit di pronto soccorso
  • Un collare o una pettorina, un guinzaglio di scorta e la museruola
  • Eventualmente il suo lettino e/o la sua coperta
  • Il necessario per l’igiene (spazzola, salviettine umidificate, un asciugamano)
  • Qualche giocattolo

Via| Ministero della Salute; Photo Credit| Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>