Leonardo DiCaprio animalista, l’appello per orche e balene

di Fabiana Commenta

Per favore, firma la petizione qui sotto e, insieme a me, fai sentire la tua voce contro la cattura disumana di orche e balene beluga in Russia. 

È questo l’appello lanciato dal premio Oscar Leonardo DiCaprio, noto ambientalista, ma anche animalista che ha pubblicato il suo messaggio tramite la piattaforma change.org. 

DiCaprio ha condiviso la sua petizione sui suoi profili social il 2 febbraio e ha chiesto a tutti i suoi numerosi followers di firmarla e di condividerla. L’appello dell’attore si unisce alle altre 900.000 firme che hanno chiesto la liberazione delle balene e delle beluga dalla Prigione delle Balene di Primorskiy in Russia. 

Si chiede la liberazione degli animali, e Jean-Michel Cousteau, il famoso esploratore degli oceani, ha anche offerto la sua assistenza per la preparazione e la riabilitazione di questi animali quando avranno riacquistato la libertà.

L’appello nasce per liberare oltre 100 balene, orche e beluga, che si trovano in cattività e che vivono chiuse all’interno di strette gabbie temporanee della costa orientale russa nella città di Nakhoda a circa 200 chilometri di distanza da Vladivostok. 

Gli esperti spiegano che questi mammiferi marini vengono venduti agli acquari in Cina ma in realtà la legge lo proibisce: per legge la vendita dei cetacei marini è vietata e sarebbe consentito catturarle solo ed unicamente a scopo scientifico, ma la Cina è un paese assicura un guadagno di migliaia di milioni di dollari per la cattura di questi magnifici mammiferi. 

L’appello chiede di liberare tutti gli animali che vivono in cattività: si tratta di 11 orche, 5 piccoli trichechi e 90 piccole beluga, 15 delle quali sono ancora neonati e del tutto dipendenti dalle madri. 

Chiediamo di liberare subito queste balene e di immetterle nuovamente nel loro habitat naturale. Chiediamo di liberare le beluga e darle in custodia a personale competente che possa nutrirle e curarle e quindi liberarle nel loro habitat naturale. 

Si può leggere sulla piattaforma di petizione. 

 

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>