leonardo.it

Cosa fare se il gatto vomita

 
Paola P.
21 ottobre 2010
commenti

Il vomito è uno dei sintomi più comuni nei gatti. Può essere un problema minore, da niente, tale da non doversene nemmeno preoccupare più di tanto, oppure può nascondere qualcosa di più grave entità. Per noi proprietari di animali domestici non sempre è facile distinguere la gravità e la causa del sintomo.

Per chiarire alcuni punti e rispondere alle domande più comuni, iniziamo con il dire che il vomito, ovvero l’atto di espulsione del contenuto dello stomaco attraverso la bocca, può essere causato, nei nostri amici gatti, da diversi problemi:

  • mangiare troppo in fretta
  • mangiare troppo
  • mangiare qualcosa che non è digeribile
  • cambiare tipo di cibo
  • mangiare cibo avariato o spazzatura

Il vomito può indicare anche un problema sistemico, come il cancro, l’insufficienza renale, il diabete ed altre malattie infettive.

Il  trattamento specifico è subordinato alla causa del vomito. Mentre l’approccio generale per il trattamento di un gatto che ha vomitato include:

  • Se il vostro gatto vomita una volta e poi mangia normalmente, senza ulteriore vomito, riprende il comportamento normale dell’intestino ed è giocoso come al solito, allora il problema si può risolvere da solo.
  • Se è possibile trovare tutte le cause predisponenti come l’esposizione a rifiuti, un cambiamento nella dieta o l’ingestione di alcune piante, dobbiamo eliminare la fonte del problema.

Se il  gatto vomita più volte e non lo si può portare dal veterinario (che è comunque l’opzione consigliata), si può:

  • Somministrare i farmaci prescritti, telefonando al veterinario per conferma.
  • Sospendere cibo e acqua per due ore. Spesso il rivestimento dello stomaco può essere molto irritato. Alcuni gatti vogliono mangiare anche se il loro stomaco è irritato, e continueranno a vomitare. Meglio invece dare il tempo allo stomaco di riposare per qualche ora.
  • Dopo aver atteso per due ore, se il vostro gatto non ha vomitato, dategli piccole quantità di acqua (un paio di cucchiai alla volta), ogni 20 minuti circa fino a quando l’animale non sarà ben idratato Alcuni gatti non vorranno bere. Meglio offrirgli acqua fresca, magari in una ciotola diversa o aggiungervi cubetti di ghiaccio per spingerlo a bere.
  • Se il gatto non vomita dopo aver bevuto, allora si può gradualmente riprendere ad alimentarlo optando per una dieta leggera e non riempiendogli la ciotola, bensì dandogli cibo poco per volta, in piccole dosi, per evitare che vomiti di nuovo.
  • Molti veterinari consigliano Pepcid AC ® (il cui nome generico è famotidina) per diminuire l’acidità di stomaco.
  • Alimentate il gatto con una dieta leggera per due giorni e tornate gradualmente al suo cibo normale integrandolo con un cibo meno pesante e passando a riaumentare la dose del suo solito cibo giorno dopo giorno.

Se il vomito continua e/o si nota l’insorgenza di altri sintomi, chiamate immediatamente il veterinario. Se il vostro gatto non mangia, nel vomito individuate tracce di sangue, perde peso, è letargico, continua a vomitare o ha qualche altra anomalia fisica, è importante consultare il veterinario che scoprirà la causa sottostante e prescriverà un trattamento specifico.

[Fonte: Petplace]

Commenta!

Articoli Correlati
Cosa fare se il gatto è aggressivo

Cosa fare se il gatto è aggressivo

L’aggressività nel gatto è uno dei disturbi del comportamento più comuni, secondo soltanto alla minzione inappropriata. Bisogna operare dei distinguo sulle cause che portano il nostro micio ad aggredire noi […]

Ipervocalizzazione, cosa fare quando il gatto miagola troppo

Ipervocalizzazione, cosa fare quando il gatto miagola troppo

Detto così, può sembrare che si voglia impedire al gatto di miagolare e di esprimersi nella sua maniera più naturale. In realtà la faccenda è molto più complessa, perché quando […]

Gatti, cosa fare nell’emergenza – parte 2

Gatti, cosa fare nell’emergenza – parte 2

Lividi, gonfiori e segni di dolore in una determinata area possono indicare una contusione, una distorsione o una frattura. Le contusioni raramente sono gravi, ma se il dolore dovesse prolungarsi […]

Gatti, cosa fare nell’emergenza – parte 1

Gatti, cosa fare nell’emergenza – parte 1

I gatti saltano, giocano, esplorano e, spesso, capita si caccino nei guai e si facciano male. Non sempre il veterinario è dietro l’angolo, quindi nell’attesa di raggiungerlo, ecco alcuni consigli […]

Cosa fare se il gatto marca il territorio

Cosa fare se il gatto marca il territorio

Cosa fare se il gatto marca il territorio: beh, iniziamo con il dire che quando per territorio si intende casa nostra, i nostri mobili, i divani e gli angoli delle […]