Tartaruga disabile torna a camminare (foto)

di Giulia 1

Una tartaruga disabile può tornare a camminare? Certo, basta aguzzare l’ingegno e costruire un meccanismo che le permetta di potersi muovere autonomamente, con l’ausilio di quattro ruote ad esempio. E’ quanto ha pensato il dottor Carsten Plischke, un veterinario tedesco che ha ideato un dispositivo che ha reso la vita di questa tartaruga sfortunata molto più semplice, grazie ai mattoncini lego. La tartaruga, chiamata Blade, è stata portata al veterinario dal suo proprietario, Iris, che si era accorto delle difficoltà di Blade a camminare a causa di un disturbo della crescita.

Tartaruga disabile

Il veterinario cosa ha pensato di fare? Ha costruito una piccola sedia a rotelle per il pet, con i lego. Si proprio i mattoncini colorati adorati dai bambini, assemblati tra di loro, sono diventati una specie di carrellino con le ruote, che sostiene la tartaruga e le permette di muoversi liberamente. Si tratta di una soluzione temporanea in attesa che le articolazioni dell‘animale si rinforzino e questa possa camminare di nuovo da sola.

1) Ecco la tartaruga Blade

Ecco Balde prima dell’inserimento del carrellino a ruote fatto con i lego.

Tartaruga disabile

2) La base attaccata alla pancia

Ecco la parte sotto del carapace della tartaruga dove si trova applicato il dispositivo che le permette di camminare in autonomia.

Tartaruga disabile

3) La costruzione del dispositivo per la tartaruga

Ecco il veterinario mentre sta ultimando la costruzione del dispositivo per la tartaruga Blade.

Tartaruga disabile

4) Ecco a voi Blade ed il suo nuovo dispositivo per camminare

La tartaruga con il dispositivo fatto di Lego: ecco come una semplice idea può cambiare la vita di un essere vivente.

Tartaruga disabile

Fonte e foto credits

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>