Molossi: Mastiff, Bullmastiff e Mastino Napoletano

 
Claudia
9 novembre 2009
commenti

Mastiff

Della famiglia dei Molossidi fanno parte il Mastiff, il Bullmastiff e il Mastino Napoletano. Anche il Dogue de Bordeaux è un Molosso, ma apriremo una parentesi solo per lui e per la sua storia. Tutti questi cani derivano dal Mastino d’Oriente, definito il Molosso per l’appunto.

Mastiff

Il Mastiff è un cane di grossa taglia, massiccio, vigoroso, ben costruito, potente. Nessun canide ha un’ossatura simile alla sua. L’altezza va dai 75 agli 80 centimetri, il peso dai 70 ai 90 chilogrammi. La testa è massiccia, larga, rettangolare, gli occhi sono piccoli e color nocciola, il naso grande e nero, le orecchie attaccate alte, arrotondate e ricadenti. Il mantello è a pelo corto e fitto, e i colori variano dal fulvo chiaro, giallastro, al fulvo cinerino, fino al fulvo deciso e al nero.

Le numerose selezioni hanno eliminato la grande ferocia che per molti secoli ha caratterizzato questo cane. Oggi lo conosciamo come un animale mansueto, equilibrato, desideroso di affetto e buonissimo con i bambini. Se ben addestrato si dimostrerà un ottimo cane da guardia.

Bullmastiff

BullmastiffIl Bullmastiff nasce dall’incrocio tra il Mastiff e il Bulldog. Risulta più piccolo del primo ma più grande del secondo ed è stato riconosciuto come razza a sè dell’English Kennel Club intorno agli anni Venti. Venne inizialmente utilizzato dai guardiacaccia, infatti visto che “lavorava” di notte si preferiva nei colori scuri, o completamente nero. Non era un cane mordace, doveva soltanto ridurre in sottomissione il nemico del guardiacaccia. Ha bisogno di essere dominato da un padrone energico, ma è comunque un cane affettuoso, obbediente e gioioso, è inoltre tenace e coraggioso. Deve sempre essere impegnato, si annoia infatti molto facilmente. Passiamo alle caratteristiche fisiche: l’altezza del Bullmastiff va dai 61 ai 68 centimetri, e il peso dai 40 ai 50 chilogrammi. Ha il cranio largo e quadrato, rugoso; narici ampie e denti forti. Il muso è nero, gli occhi sono scuri, le orecchie a forma di V e portate indietro. Il pelo del mantello è corto e duro, e i colori sono di tutte le sfumature del fulvo, del rosso e del tigrato.

Mastino Napoletano

Mastino NapoletanoIl Mastino Napoletano è la versione italiana del Molosso Asiatico. I Molossi italiani, allevati nell’Antica Roma, hanno continuato a sopravvivere nonostante le insidie del tempo e della guerra in Campania e quindi questo mastino vive in questa nostra regione italiana da ben duemila anni. Sembra derivi dall’incrocio tra il Molosso e il Dogue de Bordeaux. L’altezza va dai 60 ai 75 centimetri mentre il peso si aggira intorno ai 70 chilogrammi. E’ un cane poderoso, dalla grossa testa e dalle pronunciate giogaie che cadono intorno al collo. Le orecchie sono piccole e mozzate, gli occhi scuri, la muscolatura ben sviluppata. Il mantello è a pelo raso e fitto, di varie colorazioni, striato, fulvo, grigio scuro, grigio e cinerino. Nonostante la sua apparenza anche il Mastino Napoletano, come gli altri Molossidi, è un cane pacifico, dolce, affettuoso con il padrone e con gli amici di casa. E’ molto coraggioso e reagisce con fierezza al dolore fisico. Deve quasi necessariamente vivere in una casa con ampio giardino, ha bisogno di moltissimo esercizio fisico.

Tutti i Molossidi dei giorni nostri non sono più cani da guerra ma cani di pace. Nonostante ciò se istigati sanno tirare fuori il loro retaggio millenario, infatti sono i migliori cani da difesa, personale o della casa, che esistano. Amano tantissimo i bambini, non importa quanto spesso siano maldestri con loro, e li difendono a ogni costo se si trovano in pericolo. La pazienza è paragonabile a quella dell’Alano. Hanno bisogno di moltissimo esercizio fisico e non tollerano l’isolamento. Saranno dei compagni preziosi, ingombranti tanto quanto l’amore che sapranno darvi.

[photo courtesy of anetaelk, claudiogennari, linnhammar]

Commenta!

Articoli Correlati
I Molossi, la storia e le leggende

I Molossi, la storia e le leggende

Il cane Molosso fu visto per la prima volta nell’antica Grecia e nell’antica Roma. Alcuni sostenevano che esso fosse l’antico Mastino Tibetano portato in Grecia da Alessandro Magno, oggi si […]