Gatti mancini, ecco perché sono più stressati

di Fabiana Commenta

Anche i gatti possono avere una zampa preferita e se sono mancini rischiano di essere addirittura più stressati. 

Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato su Animal Behavior e condotto da Deborah Well della Queen’s University di Belfast, in Irlanda che conferma come la maggior parte dei gatti abbia una propria zampa preferita: individuarla, potrebbe aiutare a capire meglio il loro comportamento e a come reagiscono allo stress.

singhiozzo gatto, gatto, gatto mancino

La predominanza dell’una o dell’altra parte nell’uso del corpo, è ampiamente diffusa fra gli animali, ma a scoprire l’importanza della zampa preferita nelle attività quotidiane da parte dei gatti, ci ha pensato il nuovo studio irlandese che si è basato sull’osservazione, durata tre mesi, di 40 gatti, di cui 22 femmine. 

Si è osservato quale zampa i gatti usassero prima per salire le scale, grattare le porte o raggiungere il cibo ed è emerso che il 73% dei gatti osservati avevano una zampa preferita e che sono soprattutto i maschi ad essere mancini, esattamente come accade per il genere umano.

L’importanza di scoprire se il gatto sia mancino o meno consente di poter meglio gestire lo stress del micio: gli animali mancini, che dipendono di più dall’emisfero destro per elaborare le informazioni,  mostrano un approccio diverso con la paura, tendono a essere più aggressivi, più ansiosi e a tollerare meno lo stress visto che l’emisfero destro è più responsabile dell’elaborazione di emozioni negative. Non si ancora che cosa posa influenzare la scelta dell’una o dell’altra zampa, ma capirlo potrebbe aiutare i proprietari di gatti o chi lavora nei gattili e nei rifugi per animali ad approcciarsi meglio al gatto.

GATTI, PREFERISCONO L’INTERAZIONE UMANA AL CIBO

photo credits | think stock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>