Displasia all’anca, ovvero quando il cane zoppica

 
Daniela
27 settembre 2009
commenti

displasia

I cani di taglia grande, soprattutto se anziani, tendono a zoppicare più facilmente di quelli piccoli perché soffrono di una malattia denominata displasia all’anca, un problema ortopedico che colpisce le articolazioni e che può manifestarsi già a partire dai 3-4 mesi di vita in quasi tutte le razze canine di taglia grande e gigante, e nei loro incroci.

Per displasia dell’anca si intende un difetto dello sviluppo, caratterizzato da vari gravi di debolezza delle articolazioni; questo disturbo tende a colpire le articolazioni tra femore e bacino, causando modificazioni della testa e del collo del femore e dell’acetabolo, cioè della parte del bacino che contiene la testa del femore.

Il primo segnale che un cane è affetto da displasia dell’anca è la zoppia; inizialmente si tratta di un disturbo saltuario, causato dal dolore alle articolazioni, che si evidenzia all’inizio dell’attività fisica ma che migliora con il movimento. Con il passare del tempo, tuttavia, l’aggravarsi ella malattia porterà a movimenti anomali con notevoli difficoltà ad alzarsi e sdraiarsi.

Se si sospetta una displasia, sono indispensabili una visita ortopedica dal veterinario e un esame radiologico in anestesia, perché è richiesta una specifica posizione scomoda per l’animale; le alterazioni rilevate possono evidenziare una parziale fuoriuscita della testa del femore dell’anca, fino a un quadro di artrosi, con degenerazioni molto più marcate delle parti ossee.

La cura della displasia dell’anca dipende dallo stato della malattia. Nelle forme più lievi, con una zoppia appena manifestata, consiste essenzialmente nel riposo, in esercizi specifici, nella somministrazione di antinfiammatori non steroidi, e nel controllo del peso per non aggravare il dolore alle ossa; quando il disturbo è più serio è necessario l’intervento chirurgico.

Le razze canine più a rischio sono: Pastore Tedesco, San Bernardo, Labrador, Rottweiler, Terranova, Bulldog inglese, Boxer e Golden retriever e i loro incroci. Nella maggior parte dei casi la displasia dipende da fattori genetici, ed è recessiva: ciò significa che la trasmissione del difetto può saltare una generazione e ripresentarsi in quella successiva, manifestandosi in cucciolo di genitori sani e viceversa.

 

 

 

Commenta!

Articoli Correlati
Tremore zampe posteriori cane, è la displasia dell’anca?

Tremore zampe posteriori cane, è la displasia dell’anca?

Richiesta di consulto veterinario Salve, mi chiamo Gabriella ,vi scrivo per saperne di più sui tremori alle zampe posteriori della mia maremmana, età circa un anno e tre mesi, presa […]

Displasia dell’anca nel gatto, cure e razze predisposte

Displasia dell’anca nel gatto, cure e razze predisposte

La displasia dell’anca nel gatto non sempre si mostra con sintomi evidenti come accade nel cane, sin dal suo esordio. Quando il micio comincia a manifestare anomalie nel comportamento (tendenza […]

Displasia dell’anca nel gatto, cause e sintomi

Displasia dell’anca nel gatto, cause e sintomi

Quando si parla di displasia dell’anca si pensa subito ai cani, mentre ormai è noto che si tratta di una patologia che colpisce anche i gatti. E’ una condizione che […]

Displasia dell’anca nel cane: prevenire l’artrosi con i condroprotettori Innovet

Displasia dell’anca nel cane: prevenire l’artrosi con i condroprotettori Innovet

La displasia dell’anca è la malattia muscoloscheletrica su base ereditaria più diffusa tra i cani, nonché la causa più comune di zoppia posteriore. Ne soffrono in particolare i cani di […]

La displasia dell’anca nel cane

La displasia dell’anca nel cane

La displasia dell’anca è una dolorosa malattia invalidante che porta l’anca del cane ad indebolirsi, deteriorarsi e sviluppare artrite. Essa deriva dallo sviluppo anomalo dell’anca, che coinvolge la testa del […]