leonardo.it

Cane o gatto, quale scegliere come animale domestico? Il fattore “costi”

 
Paola P.
17 settembre 2011
commenti

Per chi ha deciso, dopo aver ponderato le proprie disponibilità di tempo ed economiche, di prendere, ovvero adottare seriamente e con dedizione e per sempre, un animale domestico, si pone la scelta, se non si può avere entrambi, tra cane e gatto che poi sono quelli più diffusi nelle nostre case come pets. Vi sconsiglio gli esotici a priori per tantissime buone ragioni, incluso il fatto che non sono affatto animali domestici e che alimentano un mercato a dir poco senza scrupoli, sottraendo animali che vivono nel loro habitat e non abituati al contatto con l’uomo, a differenza di cani e gatti che da secoli vivono al nostro fianco. Esemplari selvatici costretti a viaggi della morte per arrivare nei negozi ed in seguito chiusi in una gabbia dorata in cui soffriranno, manifestando apertamente la loro insofferenza o ammalandosi o con disturbi di comportamento che ci creeranno non pochi problemi.

Oltre alle vostre personali preferenze, il gatto è l’ideale per voi se avete un budget più limitato ed uno spazio inferiore da offrire ad un animale in casa, inoltre anche in vacanza è generalmente più tollerato nelle strutture ricettive o ha costi inferiori in pensione. Questo non vuol dire che non ha bisogno di spazio, tutt’altro. Ad ogni modo ci sono anche cani più piccoli di alcuni gatti nelle dimensioni, quindi il fattore spazio va valutato anche sul cane che volete adottare, sulla sua stazza.

Lo stesso vale per le spese alimentari. Un gatto consuma meno rispetto ad un cane di grosse dimensioni ma se il cane è piccolo e pesa pochi chili la differenza nei costi è meno avvertita. Può sembrare strano che misuriamo la scelta in termini economici, adottare un animale è un gesto di responsabilità ed amore, in primis, però non bisogna dimenticare che è per sempre e che tutti questi abbandoni sono dovuti anche a persone che hanno agito senza pensare agli oneri economici (e non solo) che comporta prendersi cura di un animale. Ecco perché è bene valutare attentamente questo fattore prima di decidere. Controllate tutto, dai costi delle vaccinazioni e di interventi come la sterilizzazione se intendete farla, al costo di cibo, pensioni, lettiere, trasportini, collari.

Commenta!

Articoli Correlati
Come trasformare un gatto randagio in un animale domestico

Come trasformare un gatto randagio in un animale domestico

Se vi siete decisi ad adottare un gatto randagio che da tempo gira nel cortile del vostro condominio o viene a mangiare nel vostro giardino, il primo passo da fare […]

Come gestire il pasto quotidiano di un animale domestico

Come gestire il pasto quotidiano di un animale domestico

Un animale domestico, soprattutto se cucciolo, ha bisogno di molte cure a cominciare dall’attenzione nel settore alimentare. Dalle prime settimane e fino all’età quasi adulta, ad esempio, bisognerà farlo mangiare […]

Perché scegliere un ratto come animale domestico

Perché scegliere un ratto come animale domestico

I ratti sono dei roditori simili ai topi, solo con dimensioni maggiori, anche se raramente superano i 500 g. di peso; esistono 56 specie di ratti, ma quelle più comuni […]

Indovina chi arriva a casa? Scegliere un animale domestico (Round III)

Indovina chi arriva a casa? Scegliere un animale domestico (Round III)

Eccoci al penultimo capitolo, quello in cui parleremo degli animaletti più piccoli e per i quali le soluzioni da trovare sono molto spesso più semplici, rispetto alle lunghe considerazioni che […]

La scelta dell’animale domestico, Round I

La scelta dell’animale domestico, Round I

Sappiamo che molto spesso la richiesta di prendere un animale domestico parte dai bambini. Nell’80% dei casi i piccoli di casa chiedono un cagnolino, e non me ne vogliano male […]