Clamidiosi nei gatti: contagio, sintomi e cura della congiuntivite felina

 
cinzia iannaccio
19 gennaio 2012
commenti

congiuntivite clamidia clamidiosi gatto sintomi curaSe il vostro gatto è affetto da una congiuntivite, con una abbondante secrezione dagli occhi, potrebbe essere stato colpito da clamidiosi felina. Il Chlamidiophila felis è un particolare batterio della famiglia della clamidia e rappresenta un’infezione molto comune nei gatti che, va detto subito, può essere trattata abbastanza semplicemente. Può iniziare da un unico occhio per poi trasmettersi anche all’altro ed è caratterizzata da uno “scarico” liquido trasparente, acquoso, che diventa sempre più abbondante e denso, tendente al giallo, mano a mano che l’infezione progredisce.

I sintomi della clamidiosi felina oltre la congiuntivite

I sintomi del contagio di clamidiosi felina si manifestano in genere entro i 5 giorni dal contatto col batterio responsabile. La sintomatologia è caratterizzata essenzialmente dalla congiuntivite, ma può accompagnarsi anche a lievi disturbi delle vie respiratorie superiori (raffreddore, con starnuti e scarico nasale) e qualche linea di febbre. Nella maggior parte dei casi infatti si accompagna ad altre infezioni, per lo più virali, come il calicivirus e l’ herpesvirus. Anche nei casi in cui il micio si presenti sano, ma con secrezione dagli occhi, questa può essere contagiosa. Attenzione ai gattini: la clamidiosi in loro può provocare anche la polmonite.

Come avviene il contagio della clamidiosi?

Il contagio del batterio avviene in modo diretto, ovvero attraverso il contatto con i liquidi nasali ed oculari di mici infetti, oppure sebbene più raramente i gattini possono contagiarsi durante la nascita se la mamma micia è malata. Difficile il contatto per via indiretta, cioè attraverso l’utilizzo delle medesime ciotole o le mani di chi cura gli animali perché questo batterio non vive abbastanza a lungo nell’ambiente. Certo è che come per tutte le altre infezioni, anche per la congiuntivite umana, è buona norma d’igiene lavarsi spesso le mani e disinfettare gli oggetti di uso comune con altri gatti.

Come si cura la congiuntivite batterica nei gatti?

Importante, per debellare la congiuntivite batterica nei mici, un’adeguata pulizia delle secrezioni, oltre che l’utilizzo di una pomata antibiotica che saprà suggerirvi il vostro veterinario. Si raccomanda di seguire attentamente le indicazioni circa l’applicazione.

Leggi anche:

Le malattie infettive dei gatti

Proteggere un animale dalle malattie infettive

Foto: Thinkstock

Commenta!

Articoli Correlati
Peritonite Infettiva felina (FIP): sintomi e cura

Peritonite Infettiva felina (FIP): sintomi e cura

La peritonite infettiva felina (FIP) è una malattia del gatto di origine virale. È causata da un virus della famiglia dei coronavirus. Questa patologia, infettiva tra gatti e non contagiosa […]

Acne felina, cause, sintomi, cura e prevenzione

Acne felina, cause, sintomi, cura e prevenzione

L’acne felina è un problema piuttosto frequente nei gatti e consiste e consiste nella produzione eccessiva di sebo da parte delle ghiandole sebacee del mento e del contorno labbra: si […]

Congiuntivite nei gatti, prevenzione, diagnosi e cura della clamidiosi felina

Congiuntivite nei gatti, prevenzione, diagnosi e cura della clamidiosi felina

Torniamo a parlarvi di congiuntivite nei gatti (infiammazione dei tessuti intorno all‘occhio con secrezioni abbondanti),  quella comunemente provocata dal batterio unicellulare della Chlamydia psittaci e dunque definita clamidiosi. Si tratta […]

Herpes virus nel gatto: contagio, sintomi e diagnosi

Herpes virus nel gatto: contagio, sintomi e diagnosi

Herpes virus nei gatti. Di cosa si tratta? Di un disturbo molto comune  delle alte vie respiratorie nei felini. I sintomi sono riconducibili ad un raffreddore, con starnuti, lacrimazione degli […]

Leucemia felina (FeLV): sintomi, contagio e sviluppo della malattia

Leucemia felina (FeLV): sintomi, contagio e sviluppo della malattia

La Leucemia felina è, come dice il nome, una forma di cancro che provoca un aumento della produzione di leucociti ed è provocata da un virus. Il Virus della Leucemia […]