leonardo.it

Cassazione: cani liberi, padrone responsabile

 
Giulia
17 settembre 2011
commenti

Storica sentenza emessa dalla Cassazione proprio in questi giorni: si tratta della sentenza numero 34070/11 con la quale è stato pronunciato un fermo no ai cani lasciati liberi in strada. La Suprema Corte infatti ha stabilito una volta per tutte che il padrone dell’animale è tenuto a controllarlo in ogni momento e ad evitare che abbia accesso agli spazi destinati alla circolazione stradale: tale controllo deve essere eseguito sempre, anche se il cane non manifesta o non ha mai manifestato sintomi di aggressività.

Secondo l’orientamento della Corte quindi il cane può essere libero di muoversi solo all’interno delle aree a lui riservate ed entro il raggio d’azione consentito dal guinzaglio, che ricordiamo non deve superare un metro e cinquanta di lunghezza quando ci si trova in area pubblica. Il tutto nasce dal contenzioso tra un proprietario di due cani i quali avevano oltrepassato il cancello della propria abitazione, mentre il padrone era distratto.

Giunti in strada erano andati per puro caso, addosso ad un motociclista che transitava in strada, il quale si era procurato lesioni guaribili in 21 giorni a causa della caduta: nello scontro con la moto inoltre uno dei due cani era deceduto. Nonostante il ricorso in Cassazione, con il quale l’uomo aveva cercato di spiegare le modalità che avevano portato i cani alla fuga, il padrone dei cani è stato ritenuto responsabile e condannato a 250 euro di multa, oltre al risarcimento dei danni in favore del motociclista.

Nella sentenza si legge: Qualora un incidente stradale sia determinato dalla presenza sulla pubblica via di un animale incustodito che, investito, provochi lo sbandamento di un veicolo, va addebitata al proprietario dell’animale medesimo la responsabilità del fatto per omessa custodia, sia pure, eventualmente, con il concorso di colpa della persona offesa, dove questa non si sia accorta tempestivamente dell’ostacolo prevedibile ed evitabile.

Commenta!

Articoli Correlati
Cassazione: no all’indifferenza nei confronti dei cani

Cassazione: no all’indifferenza nei confronti dei cani

Il cane come qualunque altro amico a quattro zampe e, più in generale, come ogni altro essere vivente va considerato e bisogna fare attenzione al suo benessere, al suo stato […]

Via liberi agli animali nei luoghi pubblici

Via liberi agli animali nei luoghi pubblici

Libero accesso in tutti i luoghi pubblici, nei pubblici esercizi, sui mezzi di trasporto e nelle case di riposo è per i nostri amici a quattro zampe.  Quella proposta dal […]

Cani randagi, responsabile il comune

Cani randagi, responsabile il comune

La Cassazione, sezione terza, ha stabilito un importante assunto con la sentenza n. 10190, secondo il quale i comuni devono impegnarsi affinchè i cani randagi non arrechino disturbo alle persone […]

Se il cane morde, il padrone è sempre responsabile

Se il cane morde, il padrone è sempre responsabile

La Cassazione ancora una volta torna ad occuparsi di animali, questa volta in relazione al risarcimento danni nel caso in cui il cane di casa abbia morsicato una persona estranea. […]

Collari elettrici, vietati dalla Cassazione

Collari elettrici, vietati dalla Cassazione

La Corte di Cassazione si pronuncia nuovamente a favore degli amici animali: questa volta lo fa con la sentenza 15061 del 13 aprile 2007, in relazione all’uso dei collari elettrici. […]