leonardo.it

Canile di Ginosa (Ta) distrutto da alluvione, servono aiuti (foto)

 
cinzia iannaccio
11 ottobre 2013
commenti

canile ginosa distrutto alluvione aiutoIl canile comunale di Marina di Ginosa (Taranto) è stato travolto dalla pioggia e con lui i circa 500 cani ospiti. 7 quelli trovati morti, annegati sotto l’acqua, il fango ed i detriti o schiacciati dai muretti divisori dei box che hanno ceduto. 2 cani mancano ancora all’appello, non sono stati cioè ancora trovati i loro corpi e si spera per il meglio. Gli altri sono feriti e soprattutto traumatizzati, specialmente i cuccioli e gli anziani.

Grazie al lavoro dei volontari del canile, delle guardie zoofile dell’OIPA e dei vigili del fuoco, dalla sera dell’alluvione (8 ottobre) ad oggi, sono stati messi in sicurezza tutti gli ospiti della struttura: è stato necessario usare una scavatrice per farsi strada tra i box divelti e c’è voluto molto tempo anche per ripulire l’infermeria, inondata da oltre 40 cm di acqua in modo da poter prestare le prime cure ai pet e poi tenerli al caldo.

L’emergenza però non è finita perché sono previste ancora piogge torrenziali. I volontari continuano incessantemente a portare aiuti (cibo per i cani, coperte, farmaci) e cercano di mettere in sicurezza e ripulire quanti più box possibile. Tutti insieme però possiamo contribuire inviando aiuti pratici, fondi economici, adottando uno degli ospiti. Come?

Spedendo materiali direttamente al CANILE COMUNALE DI GINOSA – STRADA GINOSA-LATERZA – C.DA CAVA DELLE PIETRE – 74013 – GINOSA (TA) contattando preventivamente il 333/6854103 oppure il 347/8844795.

In alternativa si può contattare il Coordinatore delle guardie eco zoofile di Bari, Giammichele Lippolis, guardiebari@oipa.org o Stefania Bottiglia, delegata OIPA di Taranto, cell. Tel. 328 3385058; taranto@oipa.org .

Per un aiuto economico invece si può effettuare un versamento sul conto nazionale dell’OIPA Italia indicando nella causale “offerta – canile Ginosa”.

Ormai il fenomeno sembra essersi standardizzato: ogni ondata di maltempo porta con se vittime, umane ed animali. E’ drammatico tutto ciò. Soprattutto se penso che molte di queste assurde situazioni sarebbero potute essere prevenute (ricordate i fatti di Genova? Tanto per fare un esempio). Stiamo distruggendo ogni giorno di più la nostra madre terra….

Continueremo a seguire la situazione. Fatelo anche voi…Diventate  Fan di TuttoZampe! https://www.facebook.com/TuttoZampe
Foto: OIPA

 

Categorie: FotoGallery, News
Tags: ,

Commenta!

Articoli Correlati
Cani accolti negli uffici e negli ambulatori del canile: accade a Roma

Cani accolti negli uffici e negli ambulatori del canile: accade a Roma

Il freddo ed il gelo sulla capitale d’Italia, Roma, ha colpito in modo inesorabile anche tanti animali randagi: due accolti in canili comunali, non ce l’hanno fatta e sono morti. […]

Incendio al canile di Lucca, morti asfissiati due cani

Incendio al canile di Lucca, morti asfissiati due cani

Un grave incendio si è sviluppato domenica otto gennaio nel Canile municipale di Pontettetto, comune in provincia di Lucca: il bilancio dell’incendio è di due cani morti per asfissia. Pare […]

Il canile di Lugo di Ravenna

Il canile di Lugo di Ravenna

Oggi iniziamo un viaggio attraverso le strutture comprensoriali che si occupano di gestione e tutela di animali, i così detti canili municipali: il primo che andiamo a conoscere è il […]

Tricase, un canile tra ignoranza e cattiva gestione

Tricase, un canile tra ignoranza e cattiva gestione

Tricase è un paese del Salento, piccolo, dove il sole splende tutto l’anno e dove il comune si è reso complice delle sofferenze di decine di piccoli amici a quattro […]

Adottare un cane, perchè scegliere quelli che affollano i canili. Foto gallery cuccioli canile di Caserta

Adottare un cane, perchè scegliere quelli che affollano i canili. Foto gallery cuccioli canile di Caserta

Adottare un cane come animale domestico è certamente una scelta impegnativa. Viste le cifre degli abbandoni ogni anno, soprattutto con l’approssimarsi delle vacanze estive, è evidente che da molti viene […]