Cani, vacanze e spiagge pet friendly

 
Daniela
28 luglio 2010
commenti

Come abbiamo più volte evidenziato su Tutto Zampe, andare al mare con il proprio cane è possibile, basta recarsi in una delle 58 spiagge pet friendly d’Italia, che comprendono sia spiagge attrezzate ad hoc per i cani, e in alcuni casi anche per i gatti, sia arenili liberi che permettono l’ingresso agli animali.

L’elenco completo delle spiagge pet friendly italiane si trova nella guida “Amici in vacanza” realizzata dall’associazione onlus Amici e dalla Royal Canin, reperibile gratuitamente presso alcuni veterinari di Roma e Milano e su internet all’indirizzo www.amici.it.

Una volta stabilito in quale spiaggia trascorrerete le vacanze con il vostro cane, dovete adottare alcuni accorgimenti prima della partenza, in viaggio e una volta arrivati a destinazione. Innanzi tutto, prima di partire portate il cane a fare check up dal veterinario in modo da verificare lo stato di salute dell’animale e per sapere se è necessario qualche accorgimento particolare. Evitate, se possibile, lunghi viaggi in auto, soprattutto se il cane non è abituato oppure soffre di mal d’auto; in ogni caso, mai lasciare il cane da solo in macchina.

Nella valigia di Fido non devono mancare: la ciotola dell’acqua, il cibo a cui è abituato, sacchetti e guanti per la raccolta delle deiezioni, il guinzaglio, i suoi giochi preferiti e un telo per asciugargli il pelo dopo il bagno. Una volta arrivati in spiaggia considerate che il cane ha bisogno di stare all’ombra a riposarsi, ma anche di passeggiate, quindi rispettate le sue esigenze; lo stesso dicasi per il bagno: alcuni cani amano nuotare, altri no.

Dopo il bagno asciugate le orecchie del cane anche all’interno, soprattutto se le ha ripiegate come, ad esempio, il Cocker. Se al ritorno dalla spiaggia il cane ha ancora il pelo umido evitate di accendere l’aria condizionata in macchina, perché potrebbe fargli male.

Al rientro delle vacanze, soprattutto se sono state lunghe, esattamente come succede agli umani, il ritorno alla normalità potrebbe essere un po’ traumatico, specie se il cane è stato a lungo all’aria aperta e ora è costretto a rientrare in appartamento; cercate di fargli fare comunque lunghe passeggiate per abituarlo alla fine delle vacanze in modo graduale. Infine, portatelo dal veterinario per verificare l’assenza di parassiti che potrebbe aver preso dagli altri animali.

[Fonte: Ok Salute]

Commenta!

Articoli Correlati
Vacanze con gli animali domestici, la sicurezza del cane (parte uno)

Vacanze con gli animali domestici, la sicurezza del cane (parte uno)

Acqua, acqua ovunque e neanche una goccia da bere. A differenza del vecchio marinaio della nota poesia di Coleridge, il vostro cane non vede il mare, gli stagni e qualsiasi […]

Le spiagge aperte ai cani

Le spiagge aperte ai cani

Se state pensando di organizzare le vacanze al mare con il vostro cane, prendete in considerazione l’idea di recarvi in Romagna, che anche quest’anno si è confermata la regione con […]

Cani baywatch, sorveglieranno le spiagge del Lazio

Cani baywatch, sorveglieranno le spiagge del Lazio

Amico fedele dell’uomo anche in acqua ed è così che ben 47 cani da salvataggio, faranno da angeli custodi dei bagnanti lungo le spiagge del litorale laziale. Dure e lunghe […]

Problemi di cataratta nel cane

Problemi di cataratta nel cane

La cataratta è uno dei problemi più comuni  tra quelli che possono interessare l’occhio degli animali domestici. Un disturbo oculare che riguarda un po’ tutte le razze, sia cani che […]

Vacanze con cani e gatti: le regole di viaggio

Vacanze con cani e gatti: le regole di viaggio

Spesso il problema di chi ha un animale è quello di andare in vacanza, perché viaggiare con il proprio amico a quattro zampe non è sempre facile. Vediamo insieme qual è […]