Cani di taglia grande sui treni, ora è possibile

di cinzia iannaccio 2

cani taglia grande trenoUn traguardo importante: a partire dal 25 Luglio, anche i cani di taglia grande potranno viaggiare con il proprio conduttore su alcuni vagoni appositamente riservati di Trenitalia. In particolare a bordo delle Frecce e sull’Eurostar, sia in prima che in seconda classe. Una novità importante soprattutto in vista delle vacanze, che apre definitivamente le porte del treno agli amici a quattro zampe di ogni taglia. Ma cosa cambia in particolare? E quali le norme da rispettare?

Animali domestici in treno

Cani di piccola taglia, come pure i gatti, conigli, criceti ed altri pet erano già ammessi sui vagoni di Trenitalia, purché custoditi nel loro tradizionale trasportino di dimensioni non superiori ai 70X30X50 cm, ed accompagnati dal proprietario (non più di un trasportino a passeggero). Il tutto gratuitamente sia in prima che in seconda classe. Ora ogni viaggiatore potrà invece accompagnarsi con un cane di qualunque taglia a patto che sia munito di museruola e guinzaglio. Permane questa autorizzazione nei treni già previsti in passato, gli Intercity ed i vagoni notte. Nel dettaglio, come si legge nel sito di Trenitalia:

  • Sui treni Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e ES*
  • Sui treni Espressi, IC ed ICN sia in prima che in seconda classe
  • Sui treni Regionali nel vestibolo o piattaforma dell’ultima carrozza, con esclusione dell’orario dalle 7 alle 9 del mattino dei giorni feriali dal lunedì al venerdì;
  • Nelle carrozze letto, nelle carrozze cuccette ordinarie e comfort e nelle vetture Excelsior ed Excelsior E4 per compartimenti acquistati per intero.

Il costo del biglietto previsto per i cani di taglia grande in questi casi equivarrà al 50% di un ticket di seconda classe per il treno prescelto. I cani guida per non vedenti possono viaggiare, come legge giustamente impone, gratuitamente e su ogni treno, senza obblighi specifici.

Le regole per il trasporto dei cani in treno

Gli animali non possono occupare il posto di altri viaggiatori e non devono arrecare disturbo. Nel caso questo avvenisse, cane e conduttore dovranno spostarsi in altro posto o scendere dal treno, a seconda della decisione del personale di viaggio. Tranne che per i cani guida per non vedenti, per gli altri è necessario essere in possesso (e mostrarlo al momento dell’acquisto del biglietto  ed in treno su richiesta) del certificato di iscrizione all’anagrafe canina. Chi ne viene trovato sprovvisto, oltre al pagamento di una multa, sarà obbligato a scendere alla prima fermata. Ci auguriamo che tali norme siano presto estese anche al nuovo treno Italo.

Fonte Trenitalia

Foto: Thinkstock

 

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>