Cani randagi, chi li sfama ne diventa responsabile

di Fabiana Commenta

Se siete soliti dare del cibo a un cane randagio, ne diventate automaticamente responsabili da un punto di vista civile.

Lo stabilisce una sentenza della Cassazione secondo cui, offrire da mangiare del cibo a un cane randagio, che non è di proprietà e non è neppure dotato di microchip, rende automaticamente responsabile la persona stessa del cane e dei suoi comportamenti.

cane abbandonato

In questo caso, se il cane morde qualcuno, la persona che lo sfama, ne diventa responsabile. A creare il precedente, una sentenza del Tribunale di Termini Imerese dove un uomo aveva preso l’abitudine di lasciare del cibo per cani randagi in ciotole lasciate nel suo giardino. 

Mentre i cani stavano mangiando, si è avvicinato un altro uomo che è stato rassicurato sulla bontà e la scarsa aggressività dei cani dall’uomo che era solito sfamarli, ma è stato morso.

BOLOGNA, PROROGATO IL PRONTO SOCCORSO PER CANI

La responsabilità? Diventa dello stesso uomo che si era preso cura dei cani randagi senza diventarne il legittimo proprietario e che si è trovato costretto dal Tribunale a pagare 200 euro di multa spese processuali. 

MORSO DEL CANE, QUANDO NON SPETTA IL RISARCIMENTO

In realtà una precedente sentenza stabilisce che in mancanza di microchip, obbligatorio per legge, è il Sindaco della città a doversi occupare e ad essere responsabile dei cani, ma adesso questa nuova sentenza ribalta la situazione e diventa negativa per tutti i volontari che vogliano aiutare i cani randagi anche semplicemente sfamandoli. Il rischio di diventare involontariamente responsabili di cani randagi e delle loro eventuali aggressioni potrebbe diventare un problema nella pacifica convivenza fra cittadini e cani randagi.

 

photo credits | thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>