Cani, hanno il doppio dei neuroni rispetto ai gatti

di Fabiana Commenta

Sono fedeli, sono un toccasana per la salute dei loro padroni e non a caso sono i migliori amici dell’uomo, ma non solo. I cani sono anche dei veri e propri cervelloni che possono contare su 530 milioni di neuroni, addirittura il doppio rispetto ai neuroni dei gatti. Si tratta di una notizia destinata a far discutere gli amanti dei cani e dei gatti e che da questo momento in poi potrebbe essere utilizzata nelle più svariate discussioni da parte di chi intenda provare la superiorità dell’uno o dell’altro animale.

neuroni, cosa cani e gatti vedono e noi no

E sembra che i cani siano decisamente più intelligenti rispetto ai gatti. 

Il gruppo internazionale di ricerca guidato dall’americana Vanderbilt University, in Tennessee, autore dello studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Neuroanatomy, ha per la prima volta analizzato diverse specie di carnivori per poter mettere in evidenza la relazione tra il numero dei neuroni e le dimensioni del cervello. 

CANI, IMPARANO NEL SONNO COME GLI ESSERE UMANI

Lo studio ha preso in considerazione il numero delle cellule nervose che costituiscono la parte più evoluta del cervello, la corteccia, in 8 diverse specie di carnivori, sia domestici sia selvatici. L’uomo, non incluso nella ricerca, vanta 16 miliardi di neuroni, ma per quanto riguarda le altre specie, si scopre che i gatti, hanno lo stesso numero di neuroni degli orsi bruni e i procioni possono competere con i primati.

CANI, ECCO COME MENTONO

La neuroscienziata Suzana Herculano-Houzel, autrice dello studio, ha ammesso di essere amante dei cani, ma anche spiegato che i dati confermano che i cani hanno decisamente “maggiore capacità biologica di fare cose più complesse e articolate rispetto ai gatti”.

 

photo credits | think stock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>