Aniscoria gatto, che fare?

di cinzia iannaccio Commenta

Richiesta di consulto veterinario su aniscoria gatto
“Gentile veterinario, ho una gatta di razza ragdoll di appena un anno e due mesi. Circa un mese fa mi sono accorta che la pupilla destra si restringeva e quella sinistra si dilatava poi ritornava alla normalità. La portai subito dal veterinario il quale mi disse che la gatta non aveva niente ma di tenerla sotto controllo.  Il problema si è presentato diverse volte e allora ho deciso di portarla dall’oculista veterinaria la quale ha diagnosticato un anomalia al nervo simpatico ed ha elencato le possibili cause tra le quali malattie come fiv felv fip oppure malattie virali.. ho fatto le analisi del sangue ed è risultato negativo alla fiv e felv ed ora sto aspettando il risultato delle malattie virali.  Cosa mi consigliate di fare? Tac? La gatta segnala solo quel sintomo  delle pupille ma a livello comportamentale è normale. Se per favore potete darmi un consiglio. (Ho letto su internet la sindrome di horner; sono preoccupata) Vi ringrazio.

aniscoria gatto

Tipo di consulto Veterinario Generale
Tipo di problema Anisocoria gatto

 

 

Risponde il dottor Fabio Maria Aleandri, Medico Veterinario e direttore sanitario del Centro Veterinario Aleandri, con sede in Roma. Per contatti diretti mail [email protected] www.ambvetaleandri.eu

Gentile Sig.ra
Il problema da lei osservato si chiama anisocoria. Se si associa anche a enoftalmo (cioè uno spostamento del bulbo oculare posteriormente per cui l’occhio sembra più piccolo) , terza palpebra evidente e ptosi palpebrale (palpebra calante) parliamo di sindrome di Horner. L’anisocoria semplice può dipendere da diversi problemi quali uveiti , ulcere corneali, patologie cerebrali e dei nervi ottici , glaucoma , atrofia dell’iride , sinechie, difetti congeniti dell’iride , neoplasie oculari, malattie infettive (felv) . La sindrome di Horner  dipende da una lesione al sistema nervoso simpatico e può dipendere da un danno al midollo spinale a livello delle prime vertebre toraciche,  da lesioni al plesso brachiale , traumi o neoplasie toraciche, traumi o neoplasie del collo , otite media , lesioni retro bulbari, neuropatie periferiche oppure (nel più del 50% dei casi) ci troviamo difronte a forme idiopatiche (cioè di cui non conosciamo la causa).
Quindi bisogna capire se si tratta di anisocoria o di Horner, se anisocoria la sede del problema (occhio-nervi) e quindi la causa. Se Horner vanno verificati danni nelle sedi che ho indicato prima. Questo si può fare con radiografie e TC. A decidere cosa fare deve essere l’oftalmologo in base a quanto rilevato dalla visita oftalmologica. Cordiali saluti
Dott. Fabio Maria Aleandri
Medico Veterinario

 

 

Se avete altre domande da porre ai ns veterinari potete visitare la pagina dedicata e riempire il form:

Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets

Il nostro “Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets” non fornisce diagnosi online e neppure la prescrizione di farmaci. Si tratta di un servizio di informazioni ed orientamento che mai potrà essere considerato sostitutivo di una visita specialistica diretta con il medico veterinario. L’invio della domanda corrisponderà all’accettazione di questa condizione di utilizzo.

Per le emergenze rivolgersi al servizio veterinario più vicino.

Foto: Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>