Animali domestici, in Italia in tre famiglie su dieci

di Fabiana Commenta

L’Italia sempre più amante degli animali:  sono tre le famiglie su dieci che accoglie in casa un animale domestico. Il 63,3% degli italiani continua a scegliere i cani mentre il 38,7% preferisce invece i gatti.

Cani e gatti in casa, animali domestici

Questo è quanto emerge dal Rapporto Italia 2018 dell’Eurispes, presentato dal Presidente di Gian Maria Fara, un rapporto che indaga anche sulle abitudini delle famiglie nei confronti del loro amico a quattro zampe e sulle spese necessarie ogni mese. 

Gli italiani sono pronti a condividere tutto con il proprio amico peloso, anche il posto in cui dormire: il 53% degli italiani ama dormire in compagnia del proprio amico peloso. Se dormire con il proprio cucciolo (che poi cresce) è un’abitudine molto diffusa (condividendo lo stesso letto o la stessa stanza), è anche vero che è necessario prestare attenzione particolare al controllo dell’igiene con una particolare attenzione nei confronti dei parassiti tramite prodotti o collari appositi.

Un po’ meno diffusa la tendenza a preparare personalmente pasti cucinati e freschi  al posto di quelli già pronti: lo fa solo il 37,3% degli italiani, ma è pur vero che mantenere un animale domestico rappresenta una spesa. Aumenta da 51 a 100 euro mensili la spesa per sostenere le esigenze degli animali domestici con un 31,4% in più rispetto al 15,4% dello scorso anno.

Spese, impegno, responsabilità sono da tenere in conto nel momento in cui decidiate di accogliere un animale domestico in casa, ma tutti gli sforzi compiuti vengono ampiamente ripagati dall’affetto incondizionato che il vostro amico peloso vi regalerà in ogni momento della giornata.

LAV, ANIMALI DOMESTICI TASSATI COME BENI DI LUSSO

photo credits | think stock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>