American Bulldog, un simpatico molossoide

di Tippi 2

L’American Bulldog, pur non essendo una razza riconosciuta dalla F.C.I. (Federazione Cinologica Internazionale), discende dagli antichi molossi usati anche dai Romani nei combattimenti. E’ un guardiano eccezionale, tanto da considerare la famiglia al di sopra di tutto, anche della sua stessa vita, inoltre, per i bambini possiede un senso di protezione molto spiccato, quasi maniacale.

Origini dell’American Bulldog

Durante il medioevo in Inghilterra e nel resto d’Europa i molossoidi, chiamati indistintamente Bulldog, venivano utilizzati da bovari e macellai come aiuto nel loro lavoro. Erano cani di taglia medio-grande e molti forti. Intorno al 1200 in Inghilterra si iniziò ad organizzare i primi combattimenti tra tori e cani e da quel momento l’allevamento del Bulldog si indirizzò verso la selezione di cani che fossero grandi combattenti ed il più possibile insofferenti al dolore.

In questo modo, si selezionò un cane con una salute di ferro e un coraggio estremo. Ma la svolta per questa razza ci fu nella prima parte del 1700, quando i coloni inglesi occuparono quella che oggi è la Georgia in America. Le doti fisiche e caratteriali dei Bulldogs si rivelarono preziose per difendere la fattoria dagli indiani e dall’attacco di animali selvatici. Nel frattempo, in Inghilterra, con con la messa al bando dei combattimenti fra animali, il Bulldog fù allevato in taglia più ridotta fino ad arrivare all’English Bulldog che oggi conosciamo.

Aspetto generale e Carattere dell’American Bulldog

E’ un cane di media taglia, dotato di grande forza. E’ solido e muscoloso, ma nello stesso tempo è agile e scattante, particolarmente attento a tutto quello che lo circonda. Verso il padrone e la famiglia nutre un amore profondo, verso gli estranei in presenza del padrone si dimostra socievole, ma al minimo accenno di pericolo l’American Bulldog si fa subito più attento, senza reazioni esagerate. Attacca solo se obbligato dalla situazione. Sa essere molto ubbidiente ed è un cane per tutti. Non necessita di particolari cure, a parte un moderato moto quotidiano.

Foto Credit: ThinkStock

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>